Arda, un intero mondo da raccontare

« Gli altri Ainur guardarono però questa dimora fissata nei vasti spazi del Mondo, che gli Elfi chiamano Arda, ossia la Terra; e i loro cuori esultarono nella luce e i loro occhi, che vedevano molti colori, erano colmi di gioia »
J.R.R. Tolkien – Il Silmarillion

Con queste parole, Tolkien termina la creazione del mondo di Arda, quello stesso mondo in cui ambienterà tutte le sue opere, tra cui quello che viene considerato il suo scritto più famoso, ovvero Il Signore Degli Anelli.
Creato da Eru Illuvatar, la versione tolkieniana di Dio, è divisa fondamentalmente in due regioni: Aman e la Terra di Mezzo.
Aman è la più occidentale delle due, dove risiede il regno beato di Valinor, sede dei Valar, che sono delle entità supreme ma che devono sottostare al volere di Illuvatar. I Valar aiutarono Illuvatar a rendere fertile e vivibile Arda, in quanto agli inizi non era altro che una terra brulla e scarna, senza vita. Ognuno di loro ha il potere su un elemento: abbiamo per esempio Manwe, signore dell’aria, Ulmo signore delle acque, Yavanna, regina della terra e Melkor, l’unico malvagio tra tutti i Valar, signore del fuoco. Ognuno di loro contribuì con il proprio potere a rendere vivibile tutto il mondo, sotto gli occhi attenti di Illuvatar.
La Terra di Mezzo è il continente più orientale, ma anche quello dove sono ambientate la maggior parte delle storie narrate dai vari libri di Tolkien. Nella Terra di Mezzo non abbiamo un singolo reame così come lo è Valinor in Aman, ma differenti reami retti da altrettante differente creature, ma tre sono le principali: gli Elfi, gli Uomini, i Nani e gli Hobbit.
Gli Elfi, o i Primogeniti, in quanto sono stati i primi ad essere creati da Illuvatar. Sono stati i primi abitanti della Terra di Mezzo, e abitavano in massa soprattutto nel Beleriand. Sono descritti come le creature più bella della Terra di Mezzo, ma a differenza di come vengono immaginati, sono descritti con capelli scuri e occhi grigi e alti di stature. Possiedono sensi molto acuti. Hanno una aspettativa di vita immortale, ma non restano eternamente giovani, in quanto maturano e invecchiano. Una curiosità sugli elfi è che hanno un tasso di natalità molto basso, per questo è raro vedere elfi bambini. Un’altra cosa molto importante è che possono scegliere se restare immortali o diventare mortali ed avere una vita più simile a quella degli uomini.
Ci sono poi gli Uomini, o i Secondogeniti, in quando sono stati i secondi ad essere creati. Arrivarono in massa nella Terra di Mezzo e subito divennero molto più numerosi degli Elfi, poiché avevano un tasso di natalità elevatissimo. Gli uomini fisicamente sono molto vari, in quanto molto simili a noi uomini della realtà, ed anche in Arda esistono diverse etnie: vi sono i Numenoreani, più simili agli elfi, i Rohirrim, imparentati con i Numenoreani e infine gli Uomini dell’Oscurità, che servivano principalmente Morgoth (o Melkor) e Sauron, suo fedele servitore.
Vi sono poi i Nani, creati da Aule, signore della Terra. I nani sono stati creati in segreto da Aule, che fu appunto rimproverato da Illuvatar, in quanto solo a lui spettava creare, ma infine diede la vita anche a loro. Fisicamente sono bassi e robusti, e tengono la barba molto lunga, raccolta a volte in trecce o lasciata così incolta. Sono testardi e attratti in maniera morbosa dai metalli preziosi. Vivono maggiormente sotto terra, dove possono sfruttare le loro abilità di minatori e di metallurgici. Sono degli ottimi fabbri, infatti le armi o le armature di fattura nanica sono molto più robuste e forti di quelle di fattura umana. Hanno una vita molto più lunga di quella degli Uomini, ma non sono immortali come gli Elfi.
Infine vi sono gli Hobbit, o Mezzuomini. Sono fisicamente molto simili agli Uomini, da cui si pensa essi derivano, ma molto più piccoli e minuti. Infatti assomigliano a dei bambini umani, a parte per le orecchie leggermente a punta e i piedi molto pelosi. Sono sempre allegri e spensierati, e passano le giornate a fumare erba pipa (una sorta di tabacco tolkieniano) e a fare feste. Possiedono una vista ed un udito molto acuto. A differenza delle altre creature, odiano in tutto e per tutto la guerra, che è in netto contrasto con il loro carattere bonaccione. Hanno una vita leggermente più lunga di quella degli Uomini, ma nettamente inferiore a quella dei Nani.
La storia di queste quattro razze sono raccontate nei vari libri di Tolkien, come Il Silmarillion, Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, libri che consiglio di leggere, in quanto possono dare una visione più completa e generale dell’intera Arda, in quanto Tolkien descrive molto minuziosamente, in tutti i suoi libri, le varie zone del mondo dove i protagonisti vivono le loro avventure.

Vincenzo Vacante

Annunci

2 pensieri su “Arda, un intero mondo da raccontare

  1. Avete un gran bel blog qui! Sareste disponibili per uno scambio di post? parlo di guest blogging… ho un blog che tratta di argomenti simili, vi ho inviato una mail per scambiarci i dati. Grazie ancora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...